webmagazine

Banner
You are here:   Home Notizie

Notizie flash

Nuovi contributi nelle Rubriche:

Arte e Scuola

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

Notizie

Lettera del Presidente Vendola ai ministri per difendere il mare della Puglia

Mercoledì 05 Settembre 2012 07:24
Stampa PDF

 

 Di seguito la lettera che il Presidente Vendola ha inviato ai Segretari di Partito Angelino Alfano, Pierluigi Bersani, Pier Ferdinando Casini, Antonio Di Pietro e Gianfranco Fini, in merito alle possibili prospezioni nel mare di Puglia.

“Gentili Onorevoli,mare1
mi rivolgo a voi a nome di tutti i pugliesi, per esprimervi un desiderio che è comune a tutte le forze politiche e a tutti i cittadini della mia regione: noi non vogliamo che il nostro mare venga oltraggiato dalla presenza opaca e inquinante di interessi legati alle lobbies del petrolio, noi non vogliamo né oggi le prospezioni geofisiche sui fondali adriatici né domani le trivelle con il loro impatto devastante. Le Isole Tremiti sono una gemma del nostro Mediterraneo, il mare è la nostra principale ricchezza, la biodiversità è il nostro petrolio intelligente e pulito, il turismo e la pesca sono tra le nostre più importanti vocazioni. Chiedo a voi, per la responsabilità che vi compete, di assecondare una iniziativa parlamentare che inibisca e fermi la catena delle autorizzazioni alla ricerca di un greggio che noi non desideriamo e che consideriamo una minaccia. Siamo la regione che contribuisce in maniera più cospicua al sostentamento energetico dell’intero sistema Paese, siamo diventati i primi produttori nazionali di energia da fonte rinnovabili: e quindi la Puglia non è la regione dei “no” ideologici e preconcetti. Ma il petrolio proprio no, è una tentazione volgare di chi pensa che la natura sia solo una immensa discarica o una miniera da cui estrarre ricchezza con svagata irresponsabilità. Occorre che questo nostro desiderio, in cui si riconosce l’intera società pugliese, e che è scientificamente ed economicamente fondato e argomentato, possa varcare la soglia della massima assemblea legislativa. Noi non siamo affetti dalla sindrome del “non nel mio giardino”: vorremmo semplicemente trasferire alle future generazioni l’azzurro e il verde del nostro mare, la straordinaria ricchezza dei nostri eco-sistemi, l’incanto di un’isola che oggi è un’oasi di pace e ci chiede solo rispetto e amore”.

Nichi Vendola

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Marzo 2013 17:41
 

La notte della Taranta del 2012

Lunedì 27 Agosto 2012 19:21
Stampa PDF

La notte della Taranta del 2012la_tarantala_taranta

 Maria Fanizza

"Chi non è pazzo, non è normale" Questo é il mantra di Goran Bregovic ripetuto piu volte e accolto dalla folla entusiasta. La quindicesima notte della taranta del 2012 é durata tre ore coniugando la tradizione salentina con i ritmi balcanici: un matrimonio sonoro pirotecnico che ha richiamato in piazza più di centomila persone. Goran Bregovic vestito di bianco é stato sul palco con la sua chitarra per tutto lo spettacolo: trenta brani della tradizione salentina e di quella balcanica, tante storie d'amore, due bis di pizziche di Torchiarolo e di Minore.

Lavoro non facile quello di innestare due musiche così differenti ma il risultato é stato brillante: pizzica e fanfare , due lingue. due ottime Orchestre. Quella di Bregovic i cui meriti si raccolgono in giro per il mondo. e quella eccellente della Notte della Taranta.  Il concertone di Bregovic ha sostanzialmente il pregio della agilità, della ballabilità. E lo si vede bene dal popolo della Taranta che partecipa ballando molto, fino alla fine. Molti sono venuti per questo, per la pizzica di Santu Paulu ma anche per Kalashnikov, per questo sono in tanti, tantissimi. é difficile fare un calcolo esatto, mentre a Melpignano sul palco esplode la Taranta di Bregovic, i Melpignanesi si raccolgono intorno alle televisioni in strada e guardano le immagini in diretta di quel che sta accadendo a pochi metri da lì. Le televisioni, i videowall sono sparsi dappertutto: il concertone é in ogni angolo del paese.

Ultimo aggiornamento Domenica 10 Marzo 2013 09:39
 

Premio della regione Puglia

Lunedì 20 Agosto 2012 00:00 Maria Fanizza
Stampa PDF

Maria Fanizza

La regione Puglia ha premiato con un finanziamento di 9mila euro, l’associazione “Terravecchia in Folk” e l’omonimo festival come le migliori realtà del panorama culturale e musicale pugliese. L'associazione infatti é annoverata fra le migliori associazioni nella graduatoria relativa all’avviso pubblico sulla “Valorizzazione delle eccellenze dei festival e delle rassegne”, nel settore della “promozione di iniziative artistiche e culturali in grado di mobilitare significativi flussi di visitatori e turisti, anche ai fini della destagionalizzazione” del turismo.

Anche nel 2012, inoltre, “Terravecchia in Folk” e il suo festival che ogni anno coinvolge migliaia di persone all’ombra del Palazzo Ducale saranno parte integrante di “Daunia Felice”, la rete dei festival promossa dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale attraverso il progetto “Puglia Sounds”.

terravecchiainfolk

IL FESTIVAL. Quest’anno, dal 24 al 26 agosto, la sesta edizione del “Terravecchia in Folk Festival” regalerà due importanti novità: uno spazio dedicato al teatro e la rassegna “Di autore in autore”, la musica dei grandi autori italiani proposta da ospiti di assoluta eccezione. Il tema principale del prossimo festival sarà il “Borgo dello scambio dei popoli e delle culture”, con stage e concerti pomeridiani dedicati alla tradizione popolare. Sarà riproposta la fortunata formula di “TERREinMOTO”, una rassegna sulla World Music che vedrà alternarsi sul palco artisti provenienti da Tunisia, Palestina e diversi paesi dell’Africa. Questa edizione sarà anche l’occasione per sensibilizzare le forze più attive del tessuto sociale di Pietramontecorvino sulla necessità di produrre azioni e sforzi concreti in favore del recupero e della valorizzazione del patrimonio storico e culturale della città. Obiettivo puntato, questa volta, sul restauro del meraviglioso organo a mantice degli inizi dell’800 conservato nella Chiesa del Rosario.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 19 Luglio 2013 07:52
 

Masserie sotto le stelle

Mercoledì 20 Giugno 2012 18:08 amministratore
Stampa PDF

 

Maria Fanizza

 

Dopo il riuscito esperimento del 2011 ecco al via la nuova edizione 2012 di "Masserie Sotto le Stelle". La notte bianca del turismo rurale di Puglia si terrà Sabato 23 Giugno in decine di Masserie di tutta la Regione (90) attraverso percorsi enogastronomici che comprenderanno anche le Masserie Didattiche ed i relativi laboratori.

masserie-sotto-le-stelle

Si potrà per esempio imparare come dal lardo di maiale nero si può produrre dell’ottimo sapone, costruire un telaio artigianale, mungere e produrre il formaggio, riconoscere le piante officinali della macchia mediterranea, imparare a ricamare, fare un corso di cucina attiva, o iniziare a muovere i primi passi di pizzica al suono del tamburello.Difficile poterli elencare tutti, sul sito www.masseriesottolestelle è possibile scaricare il programma completo, con i numeri di telefono delle Masserie a cui si consiglia di chiamare per prenotare, per ragioni organizzative, visto l’interesse suscitato dall’iniziativa.  Si tratta di un evento dedicato alla conoscenza del territorio e dei prodotti tipici dell’enogastronomia pugliese. Le Masserie Didattiche di Puglia, resteranno aperte dal pomeriggio a notte fonda, con una serie di attività orientate alla scoperta dei più antichi luoghi di storia e tradizione rurale: laboratori, mostre, canti, danze popolari e degustazioni enogastronomiche. In questa edizione si presterà particolare attenzione all’accoglienza in Masseria e all’accessibilità dei percorsi didattici.

Ultimo aggiornamento Venerdì 19 Luglio 2013 05:57
 

Molfetta -Il carro dei comici presenta "Il medico per forza"

Mercoledì 06 Giugno 2012 12:05
Stampa PDF

Molfetta -Il carro dei comici presenta "Il medico per forza" Maria Fanizza

 

 

Moliere- Torna in scena la compagnia teatrale molfettese de "Il Carro dei Comici", e lo fa in grande stile. Giovedì 7 e venerdì 8 infatti, presso il Teatro del Carro, in via Giovene, 23 con porta alle 20.30 e sipario alle 21.00, andrà in scena “Il medico per forza”, commedia scritta dall’autore francese Molière nel 1666.

È un testo che richiama fortemente la commedia dell’arte italiana del XVI° secolo e le sue maschere, grazie alla moltitudine di personaggi che gli attori sono chiamati a mettere in scena, ognuno con una propria forte caratteristica.

La trama si preannuncia leggera e frizzante grazie al continuo intreccio di diversi filoni simpatici ed allegri: alla travagliata storia d’amore dei due giovani Lucinda e Leandro, si intreccia quella buffa e simpatica di Sganarello e sua moglie Martina. Quest’ultima per vendicarsi delle malefatte del marito lo costringerà ad essere “medico per forza”, per l’appunto, dovendo quindi fronteggiarsi con il burbero padre di Lucinda, il sign. Geronte ed i suoi servitori.

La storia si sviluppa in maniera coinvolgente suscitando il riso ed il sorriso dei presenti, come solo il teatro e la commedia dell’arte sanno fare.

Lo spettacolo inoltre, si pone a conclusione di un lungo percorso sostenuto dagli attori della compagnia, sapientemente condotti dal regista Francesco Tammacco che ha curato la messa in scena dello spettacolo stesso.

L’appuntamento quindi è per giovedì o venerdì prossimo al Teatro del Carro, con la prevendita di biglietti già aperta presso la sede stessa del teatro, in via Giovene n. 23. È inoltre possibile prenotare i propri biglietti tramite mail all’indirizzo  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  o telefonando ad uno dei seguenti recapiti telefonici: 3493795729 – 3405571527 – 3200382716

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Marzo 2013 17:46
 


Pagina 10 di 23

Testata

Banner