webmagazine

Banner
You are here:   Home Notizie

Notizie flash

Il sito è ancora in fase di ottimizzazione ci scusiamo con i lettori

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

Notizie

Bari la città che unisce

Domenica 28 Novembre 2021 06:49 Maria Fanizza
Stampa PDF

72BD7B6C-4613-4DE7-979E-BCB784CDC5F6
Bari la città che unisce Maria Fanizza


Questo pomeriggio, in occasione dell’8° centenario (1221-2021) del “Dies Natalis” di San Domenico di Guzman, Fondatore dell’Ordine dei Predicatori, e del 70° anniversario (1951-2021) dell’affidamento, da parte della Santa Sede, della Basilica Pontificia San Nicola all’Ordine dei Predicatori, il sindaco Antonio Decaro ha consegnato le Chiavi della Città a Fr. Gerard Francisco TIMONER III OP, Maestro dell’Ordine dei Predicatori e 87° successore di San Domenico, nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala consiliare “Enrico Dalfino”, a Palazzo di Città

Di seguito le motivazioni: “A Padre Gerard Francisco Timoner III OP, Maestro dell’Ordine dei Predicatori, nella felice ricorrenza del 70mo anniversario di affidamento della Basilica Pontificia San Nicola ai padri Domenicani e nella cornice suggestiva della commemorazione dell’VIII centenario del “Dies Natalis” di San Domenico, il dono delle chiavi della città in segno di gratitudine di un’intera comunità che, nel culto di San Nicola e nei valori incarnati dal Santo Patrono, ha costruito la propria storia e la propria identità.

Se Bari è riconosciuta come luogo di eccellenza della missione ecumenica - papa Francesco l’ha definita “capitale dell’unità della Chiesa” - lo è per la presenza delle reliquie di San Nicola, il Santo della carità, il Santo che unisce Oriente e Occidente, il Santo dalla pelle nera, simbolo del dialogo e dell’incontro tra i cristiani e tra i popoli.

La Basilica a lui dedicata, segno di fede e meta di pellegrinaggi spirituali, luogo di preghiera ma anche di incontro e conoscenza, affidata fin dal 1951 alle cure premurose dei Frati Predicatori ed elevata nel 1968 a dignità di Basilica Pontificia, ha goduto da allora di un rinnovato fervore sotto l’aspetto liturgico, pastorale, culturale e, soprattutto, ecumenico. 

Di tutto questo la città di Bari ha beneficiato nelle visioni di progresso morale e materiale. Il ruolo internazionale della nostra città, come terra di cerniera e non di frontiera, come luogo privilegiato di accoglienza e integrazione, è anche il risultato dello straordinario lavoro apostolico, pastorale e culturale svolto dai figli di San Domenico, custodi della Basilica, che in questi 70 anni hanno custodito con cura e dedizione il nostro bene più prezioso, diventando punto di riferimento per le istituzioni, per i cittadini  e per le migliaia di fedeli che ogni anno giungono qui da ogni parte del mondo. 

Le chiavi della città consegnate oggi a Lei, reverendissimo Padre, non servono ad aprire ma a chiudere, meglio ancora a suggellare, il legame fortissimo tra l’Ordine dei Predicatori  e la comunità della “Felice Bari” che oggi si onora, riconoscente, di avere Lei come ospite speciale”.

Ultimo aggiornamento Domenica 28 Novembre 2021 06:56
 

Bansky al castello di Otranto

Domenica 19 Settembre 2021 15:27 Maria Fanizza
Stampa PDF

148650A9-89C5-4435-B19D-8A80DA8434C2Bansky al castello di Otranto Maria Fanizza
Si chiude oggi 19 settembre 2021 al castello di Otranto la mostra Bansky al castello. Uno spazio suggestivo come il Castello Aragonese di Otranto è lo scenario che fa da sfondo a Banksy al Castello 2002 2007 prints selection, il progetto espositivo a cura di Stefano S. Antonelli e Gianluca Marziani, aperto al pubblico a partire dal 23 giugno 2021.

Da diversi anni il castello Aragonese si apre a mostre importanti ed interessanti come quella di Bansky, capaci di coniugare un impegno divulgativo e al contempo scientifico, in grado di approfondire ma anche di accogliere, coinvolgere, animare i visitatori”. la mostra di Otranto infatti, è un’ulteriore tappa del progetto, già ospitato in altri spazi espositivi, tra cui, solo per citarne alcuni, Palazzo Medici Riccardi a Firenze, il Museo Civico di Sansepolcro, in dialogo con Piero della Francesca, la Fortezza Firmafede di Sarzana.

Bansky con il proprio lavoro sta contribuendo alla ridefinizione dell’immaginario contemporaneo, Le opere di Banksy sono accessibili, ma sempre spiazzanti, cariche di doppi e tripli sensi, di indovinelli, di trappole perfino dove non te le aspetti. E anche i quarti di nobiltà, o persino la regalità – Monkey Queen e alla Queen Vic, che si possono ammirare in mostra diventano strumenti per rimettere in discussione pregiudizi e ottusità : La bimba e la bomba, il poliziotto antisommossa con lo smile, la banana e non la pistola, e così via.

Leggi tutto...
 

Leggere Mc Curry di Maria Fanizza

Domenica 22 Agosto 2021 06:56 Maria Fanizza
Stampa PDF

Leggere Mc Curry a Bari al Margherita D623AA3B-7D77-4951-9CD0-39637027D868di Maria Fanizza

Il 25 agosto 2021 chiude la mostra “Leggere”  fotografie del famoso fotografo Mccurry, presenta circa 70 immagini che celebrano l’atto senza tempo della lettura attraverso l’obiettivo di uno dei fotografi più amati del mondo. Questo omaggio alla bellezza e alla seduzione della lettura riunisce una collezione di fotografie scattate da Steve McCurry nei suoi quasi quarant’anni di viaggi. L’obiettivo di McCurry rivela il potere dei libri che trasportano le persone in mondi lontani e ricordi immaginati, nel presente, nel passato e nel futuro.La mostra di Steve McCurry a Bari si apre con un allestimento inedito, progettato appositamente da Peter Bottazzi. È stato composto per accompagnare il visitatore nella lettura di McCurry e stabilire un dialogo con gli ambienti monumentali del teatro Margherita, primo edificio realizzato a Bari in cemento armato e unico in Europa per la particolare costruzione su palafitte.Le grandi vetrate sembrano come esplodere per poi ricompattarsi in forme diverse. I cubi di alluminio ora grezzo, ora verniciato, formano un reticolato in cui le fotografie di Steve McCurry emergono come vere e proprie apparizioni accompagnate da un ulteriore elemento di racconto e fascinazione quello musicale

Composizioni evocative, poliedriche, nate nell’ambito della ricerca musicale elettronica, e di recente tecnologia composte sempre da Peter Bottazzi, in cui emergono echi di parlato, di lettura, di bisbigli, una dimensione umana, calda e coinvolgente, così da evidenziare la compresenza e la dualità di un mondo esterno ed invasivo con una dimensione più intima e personale quale è lo spazio che si crea e in cui ci si rifugia nell‘atto di leggere.

La mostra si completa con la sezione Leggere McCurry, dedicata ai libri pubblicati a partire dal 1985 con le foto di Steve McCurry. Molti di questi sono tradotti in varie lingue. In tutto a Bari ne sono esposti 15, alcuni ormai introvabili, insieme ai libri più recenti di Steve McCurry, tra cui il volume edito da Mondadori che ha ispirato la realizzazione di questa mostra. Tutti i libri sono accompagnati dalle foto utilizzate per le copertine, che sono spesso le icone che lo hanno reso celebre in tutto il mondo.

La mostra è promossa da: Comune di Bari, Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari e organizzata da Civita Mostre e Musei, in collaborazione con Sudest 57. Rientra tra gli eventi organizzati in occasione di Lungomare di Libri. Si tratta dell’edizione zero di una grande libreria a cielo aperto che porta il libro nei luoghi simbolo della città, seguendo la Muraglia, dal Fortino Sant’Antonio al Teatro Margherita e fino al Palazzo della Città Metropolitana.

I contesti sono i più vari. Si va dai luoghi di preghiera in Turchia, alle strade dei mercati in Italia, dai rumori dell’India ai silenzi dell’Asia orientale, dall’Afghanistan a Cuba, dall’Africa agli Stati Uniti.

Ultimo aggiornamento Domenica 22 Agosto 2021 06:59
 

flash mob per il Mar mediterraneo

Sabato 10 Luglio 2021 07:38 Maria Fanizza
Stampa PDF

La giornata mondiale del mediterraneo Maria Fanizzabalestra

Ieri è stata organizzata dalla associazione “ Inner wheel Bari alto terra dei Peuceti”collegato ai Rotary di Bari,,una  iniziativa interessante, un flash mob, per celebrare la giornata internazionale del Mediterraneo: le innerine Pignatelli Paladino Titty, (presidente dell’associazione) Enza Balestra, Rosangela Russo (soprano) si sono imbarcate sulla motovedetta CP 262 di Bari messa gentilmente a disposizione dalla guardia costiera di Bari,( e comandata dal dott Stefano  Capogna )  nella zona di mare antistante al circolo Barion hanno gettato in mare alcuni fiori in ricordo di tutte le vittime del mare Mediterraneo. La soprano Rosangela Russo ha cantato l’Ave Maria di P.Mascagni e una reginella rivisitata dalla dottoressa TittinPaladino su musica di G Lama in onore di Isabella D'Aragona, le innerine indossavano anche  un costume rinascimentale.

PARTE DALLA FOCE DEL TEVERE L'IDEA DI FESTEGGIARE LA GIORNATA MONDIALE DEL MEDITERRANEO…

gettando un fiore nell'acqua del fiume...per promuovere una meditazione di massa "...il mare comincia dal fiume".Adotta  il  TUO fiume significa adottare il fiume energetico di acqua cristallina presente in ogni persona umana ."Adotta il tuo fiume significa anche adotta il tuo mare...adotta il tuo oceano..erchè ogni oceano inizia dal mare.Un Flash Mob reale per la citta' di Bari per celebrare la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo.  Dedicata a tutti i caduti del mare:dai migranti ai pescatori, dai vecchi  marinai a tutti gli antenati  che sulle antiche Galee inseguivano una speranza  di Vittoria per poi essere vittime di sconfitte mortali dovute a calamita' naturali o indotte.E' partita dalla foce del Tevere,dal battello sede dell'associazione ambientalista marevivo l'idea del Club InnerWheel Bari Alto terra dei Peuceti,di festeggiare nel mare Adriatico,la giornata mondiale del Mediterraneo in continuità e a sostegno del Rotary club di Roma foro italico,ideata dal rotariano Edoardo Roberto. 

 

 
Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Luglio 2021 18:29
 

Festeggiamenti per il compleanno del musicista Nicolò Piccinni

Domenica 17 Gennaio 2021 15:49 Maria Fanizza
Stampa PDF

Niccolo picinni statua bariFesteggiamenti per il compleanno del musicista Nicolò Piccinni

Maria Fanizza

La città di Bari ieri ,16 gennaio, ha  celebrato il compleanno di Niccolò Piccinni, il grande musicista e compositore  che nel 1700 contribuì ad innovare l’Opera Buffa. Nato a Bari (16 gennaio 1728) e formatosi al Conservatorio di Napoli, fu invitato a Parigi dove riscosse grandissimo successo alla corte della regina Maria Antonietta di Francia.

Il FAI Delegazione Bari, in collaborazione con il Museo Civico Bari ,,ha organizzato per il secondo anno consecutivo il “Compleanno di Piccinni”

Sulla pagina facebook della Delegazione FAI di Bari, videotour dedicato a Piccinni e ai luoghi Piccinniani più significativI, realizzato dall'associazione Formediterre con la regia di Antonio Minelli e la grafica di Alessia Carrieri, musiche di Niccolò Piccinni, revisione di Grazia Bonasia - ensemble Il Mondo della Luna.

Soprano Vittoria Didonna

Baritono Giuseppe Naviglio

Direttore d'orchestra Grazia Bonasia.

Leggi tutto...
 


Pagina 6 di 30

Testata

Banner