webmagazine

Banner
You are here:   Home Notizie

Notizie flash

Nuovi contributi nelle Rubriche:

Arte e Scuola

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

Notizie

Celentano verrebbe a ricevere il premio nella Fabbrica Bridgestone?

Venerdì 15 Marzo 2013 07:15 Maria
Stampa PDF

Celentano verrebbe alla premiazione se si svolgesse alla Bridgestone?

 

Maria Fanizza

 

Le istituzioni ed il Festival potrebbero invitare Celentano a ricevere il premio nella fabbrica Bridgestone di Bari, potrebbe questo aprire uno spiraglio nella trattativa per salvare 950 posti di lavoro?

Leggendo le lettere qui pubblicate e notando lo sconforto si propone questo messaggio di speranza, l'arte non può essere separata dalla vita.

Che ne pensate ? Dite la vostra sulla nostra pagina facebook di letteraventidue.

 

letteraventidue

 

Cari Ettore e Felice,

 

la bruttissima vicenda dei 950 licenziati Bridgestone di Bari turba

profondamente Adriano e non lo mette nelle condizioni di spirito giuste per partecipare alla manifestazione organizzata in suo onore per ricevere il prestigioso Premio Fellini. La situazione mette centinaia di famiglie in difficoltà e questo si verifica proprio nella città in cui Adriano dovrebbe presentarsi per ritirare il premio e festeggiare la sua carriera. Per quanto Adriano è da sempre orientato alla difesa del sociale, questo è impossibile. Si tratta di un fatto imprevedibile quanto inaccettabile per lui. La sua presenza purtroppo non può portare alcun genere di solidarietà ai lavoratori che sono impegnati nella difesa del loro posto di lavoro o dare al problema un'evidenza che lo stesso già possiede. La sua soluzione, invece, dipende da scelte e dinamiche nelle quali Adriano non può intervenire. Per queste ragioni Adriano chiede di sospendere l'evento, la consegna dell'importante Premio Fellini, proprio per avere modo di parteciparvi, come previsto, ma in un momento storico nel quale si spera ci sarà veramente da festeggiare anche con tutta la cittadinanza barese. Auspico veramente che possiate comprendere e condividere che non sempre lo "show mustgo on".

 

Con amicizia.

Claudia

 

Scola e Laudadio hanno risposto con un messaggio in cui fra l’altro sostengono:

 

Cara Claudia,

 

apprezziamo molto la sensibilità di Adriano per la brutta faccenda Bridgestone, e non poteva essere diversamente. Ma proprio per questo, e al di là di festeggiamenti che non sono nel nostro stile, ci aspettiamo che Adriano venga invece a Bari anche per portare in prima persona la propria solidarietà ai lavoratori della fabbrica minacciati di licenziamento. Ancor prima di ricevere il tuo messaggio avevamo già progettato di invitare una significativa rappresentanza di lavoratori

Bridgestone al Petruzzelli proprio per dare visibilità alla loro lotta in ragione della presenza di innumerevoli media nazionali (e non solo) presenti a Bari per l'occasione. Crediamo di poter dire che i lavoratori in lotta apprezzeranno molto di più una testimonianza diretta e dal vivo portata da Adriano Celentano che non attraverso un comunicato emesso da lontano. Chiediamo dunque ad Adriano di ripensarci e di decidere di vivere insieme a noi un'esperienza davvero importante.

Una rappresentanza dei lavoratori della Bridgestone aveva già accolto l’invito avanzato nei giorni scorsi dal direttore organizzativo del Bif&st, Angelo Ceglie, a partecipare alla serata inaugurale del festival nel corso della quale Ettore Scola, autore del profilo di Fellini che contraddistingue tutta l’immagine di quest’anno del Bif&st, dedicherà il Premio Fellini ai lavoratori in lotta dello stabilimento barese minacciato di chiusura e condividerà insieme a tutti quelli che vorranno aderirvi l’appello a boicottare i prodotti del colosso giapponese, anche indossando la spilletta “Boycott Bridgestone” che verrà consegnata a tutti gli spettatori del festival.

 

Ettore Scola, Felice Laudadio 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 15 Marzo 2013 07:26
 

Conferenza internazionale eTwinning a Lisbona

Mercoledì 13 Marzo 2013 16:21 Maria
Stampa PDF

Conferenza Internazionale eTwinning a Lisbona

Maria Fanizzalogo eTw

 

Dal 14 al 16 Marzo 2013 sono attesi a Lisbona oltre 500 insegnanti di tutta Europa per una Conferenza Internazionale.

Tema della conferenza “La cittadinanza e la collaborazione fra scuole europee che usano nella didattica eTwinning”

I lavori si concentreranno sulla condivisione delle buone pratiche, sull’esplorazione di nuovi metodi didattici e sulla promozione della comunità eTwinning attraverso workshop, sessioni interattive e incontri informali.

La Conferenza sarà anche un’occasione per celebrare i risultati della collaborazione scolastica nell’ambito di eTwinning. I vincitori dei Premi eTwinning 2013 saranno premiati nelle tre principali categorie divise per fasce d’età degli alunni. I premi sono sponsorizzati dalla Commissione Europea. Inoltre, sono previste sei ulteriori categorie speciali per progetti incentrati su specifiche lingue europee, progetti sul tema della comprensione interculturale, progetti di matematica e scienze sponsorizzati da diverse organizzazioni.

Leggi tutto...
 

Al teatro Forma di Bari

Mercoledì 13 Marzo 2013 10:45 Maria
Stampa PDF

Al teatro Forma di Bari "Nel gioco del Jazz"

Maria Fanizza

 

BARI- Settimo appuntamento dell’Associazione “ Nel Gioco del Jazz “, venerdi 15 marzo alle ore 21,00, presso il Teatro Forma con il Khalil Chahine Quintet, un gruppo franco-egiziano che spazia tra le infinite sonorità che la musica Jazz offre ai suoi più attenti musicisti ed esecutori. E l’appeal offerto dal gruppo ha incuriosito il pubblico barese tanto da poter annunciare già un quasi “sold out” a pochi giorni dall’evento. Khalil Chahine è un chitarrista compositore, che fa della poesia jazz il suo punto di partenza fino a spingersi, come lui stesso suggerisce, agli estremi confini dei 4 punti cardinali. Khalil Chahine ha al suo attivo ben sei pubblicazioni in CD ed una lunga serie di partecipazioni musicali in molti film d’autore francesi. Non meno famosi i suoi collaboratori. Eric Seva ha suonato con Musicisti del calibro di ChrisRea e Michel Petrucciani, Frederic Gaillardet ha suonato con Jean Luc Ponty e Richard Bona. Qui a Bari presenteranno il loro ultimo CD dal titolo KAIROS pubblicato a fine febbraio 2013. Alcuni brani quali Amalfi, Tebeteba e Sisyphe fanno presagire l’atmosfera che scaturirà dal susseguirsi delle loro note. Ricordiamo infine che la Yahama Instrumets supporta da anni il gruppo ed anche in questa occasione fornirà una batteria completa per il concerto a riprova dell’attenzione posta nei confronti di questo Quintetto. Ancora pochissimi posti disponibili per chi è curioso di esplorare e conoscere un’ulteriore via del grande Jazz.

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 15 Marzo 2013 06:45
 

Anteprima Mondiale del backstage "La Nave va" di Fellini

Martedì 12 Marzo 2013 16:16 Maria
Stampa PDF
IN ANTEPRIMA MONDIALE IL BACKSTAGE DI “E LA NAVE VA”. LA MOSTRA FELLINI/ROTA 
 
Maria Fanizza
 
fellini
Il programma del Bif&st 2013 si arricchisce di due importanti novità. La prima è la proiezione in anteprima mondiale del bellissimo backstage realizzato sul film "E la nave va" di Federico Fellini realizzato da Ferruccio Castronuovo, autore di altri due backstage presenti nel “Festival Fellini” allestito da Felice Laudadio.
Castronuovo, è stato per 12 anni collaboratore del grande regista ed è il protagonista del film "La vita".
L’altra novità di grande rilievo che va ad inserirsi nel già fittissimo programma del Bif&st che include 400 appuntanenti in 8 giorni è l’esposizione Rota/Fellini - La musica delle immagini, una mostra documentaria del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari che sarà allestita nel foyer del Teatro Petruzzelli dal 16 al 23 marzo. Si tratta di un omaggio al magico sodalizio tra Federico Fellini e Nino Rota che ha unito i due artisti. 
 La musica  ha avuto un ruolo fondamentale per  Fellini e prende  forma, rivive nelle splendide fotografie in bianco e nero scattate durante la lavorazione di alcuni film, vero cuore della mostra, alle quali si affiancano fotobuste e manifesti d’autore non solo italiani a rappresentare l’intera filmografia Fellini/Rota. Un percorso di visione del suono che testimonia un successo internazionale straordinario anche attraverso le copertine di alcuni dei tanti ‘33 giri’ che hanno portato le colonne sonore di Rota in tutto il mondo
I documenti esposti in riproduzione al Teatro Petruzzelli di Bari appartengono alla Fondation Fellini pour le Cinéma di Sion, nata dalla collezione personale di Gérald Morin, per molti anni collaboratore di Federico Fellini, che presenterà in anteprima mondiale a Bari due documentari su Fellini, il primodei quali verrà proiettato al Teatro Petruzzelli alle 17.30 del 16 marzo ad ingresso libero. 
 
La mostra, dono del Rotary Club di Bari che ha voluto così ricordare il suo socio Nino Rota, è parte di un’ampia serie di iniziative che, in occasione del trentennale della morte e poi del centenario della nascita, il Conservatorio di Bari ha dedicato a Nino Rota, suo direttore molto amato per quasi trent’anni. Un Conservatorio nel quale c’è ancora chi ricorda una visita di Federico a Nino il 31 dicembre 1975. Nel magico silenzio di quella sera di fine d’anno, passeggiando per le aule e i corridoi di un luogo tanto familiare al musicista da essere diventato per lui anche la casa in cui abitare, i due amici si fermano davanti al busto di Niccolò Piccinni posato su un piedistallo di legno: “Ecco, Nino: fra cent’anni qui ci sarai tu”. 
 
Le musiche di Nino Rota per i film di Fellini saranno eseguite dal Collegium Musicum diretto da Rino Marrone alle 21 del 19 marzo al Teatro Forma. 
 

La realtà aumentata

Martedì 12 Marzo 2013 10:29 Maria
Stampa PDF

La realtà aumentata

 

di Maria Fanizza

 

La realtà aumentata è un insieme di tecniche e di strumenti che permettono di aggiungere delle informazioni (testi, foto, video, audio, collegamenti e loro combinazioni) alla realtà fisica che potrebbe anche essere una realtà “invisibile”.
Forse è meglio fare qualche esempio giusto per capire di che cosa stiamo scrivendo.
Spesso sui giornali vediamo una specie di quadrotto contenente punti ed altri segni di per se inintelligibili, si tratta di un “QR-Code”. Viene utilizzato per aggiungere foto o video che illustrano un avvenimento o fanno pubblicità ad un prodotto. Se il nostro smartphone o tablet ha la relativa app ed è collegato ad internet, attivando il programma e poi fotografando il “quadrotto” si accede direttamente alle informazioni ed eventualmente ai link contenuti nel codice.
Ovviamente possiamo interpretare questo meccanismo come un aumento della realtà nel senso che l'oggetto contenente il qr-code è in grado di offrirmi delle informazioni multimediali che fanno riferimento a quell'oggetto specifico o altre informazioni eventualmente organizzate in maniera opportuna.
Si può anche interpretare questo meccanismo come l'integrazione tra informazione scritta e informazione multimediale per cui ogni giornale, ogni libro, ogni cartello indicatore o pubblicitario diventa terminale di informazioni più approfondite e piacevoli.Questo primo passo ci introduce ad una estensione: è possibile eliminare il quadrotto fisico e sostituirlo con le sue coordinate gps, per cui inquadrando il punto virtuale posso leggere sul tablet o lo smartphone le informazioni collegate a quel punto.

Poesia di strada in realtà aumentata“, è una mostra d’arte contemporanea, 

in “realtà aumentata” appunto, visibile lungo un percorso che si snoda per le vie transitabili de L'AQUILA.

 

Infatti, passeggiando tra le rovine del centro storico, posso vedere una mostra sul tablet semplicemente inquadrando i punti virtuali sensibili.
Come dicono i curatori della mostra: "Le installazioni artistiche sono state predisposte in luoghi particolarmente espressivi, in modo da far permanere le opere in memoria,

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Marzo 2013 13:56 Leggi tutto...
 


Pagina 8 di 23

Testata

Banner