Novità

Ora è anche web radio
Banner

webmagazine

Banner
You are here:   Home

Chi è online

 67 visitatori online

Notizie flash

Il sito è ancora in fase di ottimizzazione ci scusiamo con i lettori

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

"La mia storia inventata" a Sex&Story

Venerdì 04 Novembre 2016 16:19 Vincenza Fanizza
Stampa PDF

"La mia storia inventata" a Sex&Story

Sex&Story: Un titolo evocativo per la 38° edizione del Festival Internazionale di Cinema e Donne 2016, che porta a Firenze le voci e gli sguardi delle donne europee nel cinema, dal Novecento a oggi.

Cinque giorni (dal 5 al 9 novembre), al Teatro “La Compagnia”, la nuova Casa del Cinema di Firenze,in via Cavour, 50r, per mettere in primo piano la necessità e il valore del raccontare le vite delle donne, normali, eccezionali e certamente uniche.

Un viaggio nella migliore produzione a firma femminile. Sono storie universali come quelle di Margarethe von Trotta, che spaziano dalla contemporaneità al mito. Per l’Italia, solo per citarne alcune, Alina Marazzi, Marina Spada, Emanuela Piovano e Giovanna Gagliardo.

Dalla Svezia, il regno della Parità e dall’ Olanda il regno della Diversità.

Un cinema giovane, impegnato ad aggredire gli stereotipi e a riformulare i rapporti tra donne e uomini.

La parità come obiettivo e la differenza come base di partenza.

Nella rassegna non solo film ma anche presentazioni di libri.

Mercoledì 9 novembre, alle 19, Maresa D’Arcangelo e Paola Paoli, ideatrici e organizzatrici del Festival Internazionale di Cinema e Donne, presenteranno l’ebook “La mia storia inventata” di Vincenza Fanizza (Germani Editore- Roma- Giugno 2016).

Un diario di vita raccontato come un romanzo, una autobiografia insolita, piena di colori e di bellissimi paesaggi.

“Una storia inventata” perché la vita spesso si inventa, magari attraverso scelte da compiere molto rapidamente, in rapporto alle occasioni che si presentano.

La storia è narrata con due linguaggi diversi. “Due linguaggi- spiega l’autrice- che a volte si alternano, talvolta comunicano, altre volte si discostano ma sempre lasciano intravedere un luogo del cuore, pieno di magia, un elemento della natura che abbraccia tutto e spiega il perché di questa storia”.

Alcuni brani del libro saranno letti dall’attrice Ornella Grassi.

L’ebook “La mia storia inventata” è acquistabile su Amazon.it

Ultimo aggiornamento ( Sabato 19 Novembre 2016 14:43 )
 

La "50 Giorni" di cinema 2016 continua con "Una Finestra sul Nord"

Mercoledì 02 Novembre 2016 10:11 Vincenza Fanizza
Stampa PDF

  La “50 Giorni”  2016 continua con “Una Finestra sul Nord"

foto film nord 2

 

di Vincenza Fanizza 

FIRENZE- Dopo il grande cinema francese di France Odeon, la 50 Giorni 2016 prosegue a “La Compagnia”, la nuova Casa del Cinema, in via Cavour, 50/r, mercoledì 2 e giovedì 3 novembre, con “Una Finestra sul Nord”.

La rassegna, che fino ad oggi si era focalizzata sul cinema finlandese, da quest'anno si apre a tutta l'area nordeuropea.

Diretto da Marjo Paakkola, Katia Brunetto e Lena dal Pozzo, “Una Finestra sul Nord” presenta 6 titoli  – due dalla Finlandia, uno dall'Islanda, uno dalla Svezia e due dalla Danimarca - tra cui il film danese, campione d'incassi in patria, “The Keeper of Lost Causes”, di Mikkel Nørgaard, che inaugura la nuova sezione Nordic Noir.

Una due giorni di cinema nordico che propone un assaggio della vera e propria edizione del Festival di Cinema nordico, che si terrà a Firenze dal 2 al 5 marzo 2017. 

Ad aprire la rassegna, mercoledì 2 novembre, alle ore 17, è la commedia islandese “In Front of Others”, di Óskar Jónasson. Al centro del film, c’è la storia tra Hubert e Hanna, due giovani con problemi relazionali. Quando il timido Hubert incontra Hanna, reduce da una difficile rottura, cerca di far colpo su di lei nascondendosi dietro le imitazioni di amici e personaggi famosi, ma ciò che gli era servito inizialmente a rompere il ghiaccio, avrà conseguenze imprevedibili.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 04 Novembre 2016 06:11 ) Leggi tutto...
 

"La mia storia inventata", in un libro la nostalgia del mare infinito

Martedì 05 Luglio 2016 12:18 Monica Lorusso
Stampa PDF

 “La mia storia inventata”, in un libro la nostalgia del mare infinito

 

 

di Monica Lorusso

 

Ogni storia, quando è narrata, diventa “inventata” perché ricreata dall’emozione dei ricordi. Anche la vita spesso si inventa perché, a seconda delle occasioni che ci capitano, dobbiamo fare delle scelte. E’ questo il significato del titolo del bel libro “La mia storia inventata” di Vincenza Fanizza, giornalista e scrittrice, pubblicato a giugno 2016, da “ Germani Editore”, in formato ebook

Un diario di vita raccontato come un romanzo, una autobiografia insolita, piena di colori, odori e bellissimi paesaggi.

“La storia inventata” è narrata con due linguaggi diversi. “Due linguaggi- spiega l’autrice- che a volte si alternano, talvolta comunicano, altre volte si discostano ma sempre lasciano intravedere un luogo del cuore, pieno di magia, un elemento della natura che abbraccia tutto”.

Non vi svelerò il nome di questo “luogo del cuore” perché lo scoprirete tra “le onde” che segnano i diversi capitoli.

Intanto le pagine scorrono veloci e la storia vi coinvolge. Il finale è inaspettato.

“La mia storia inventata” si legge tutto d’un fiato, emoziona e fa riflettere.

 

 

Vincenza Fanizza – “La mia storia inventata” – Giugno 2016 Ebook  euro 4,50

Germani Editore, Roma

“La mia storia inventata” è acquistabile su Amazon e Kobo

Ultimo aggiornamento ( Sabato 19 Novembre 2016 14:44 )
 

La "50 Giorni" di Firenze compie 10 anni

Martedì 25 Ottobre 2016 07:00 Vincenza Fanizza
Stampa PDF

 La "50 Giorni" compie 10 anni 

 

di Vincenza Fanizza

 

FIRENZE- Torna, dal 28 ottobre al 9 dicembre, la “50 Giorni”, la rassegna che porta in città il cinema internazionale, ideata e realizzata da Fondazione Sistema Toscana, quest’anno alla decima edizione. Un anniversario importante che coincide con l’inaugurazione de “La Compagnia”, la nuova Casa del Cinema della Toscana (in via Cavour, 50/r), una sala all’avanguardia, sia per le tecnologie di cui è dotata, sia per il tipo di programmazione che propone, programmazione che sarà dedicata al Documentario e ai Festival Internazionali.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 04 Novembre 2016 06:19 ) Leggi tutto...
 

Salviamo Villa "Il Ventaglio"

Domenica 29 Maggio 2016 07:35 Vincenza Fanizza
Stampa PDF

Salviamo “ Villa Il Ventaglio”

 

 foto villa il ventaglio

di Vincenza Fanizza

 

FIRENZE- Nella zona di Campo di Marte, in via Aldini, si trova “La Villa del Ventaglio” ed il suo parco, che ha un’estensione di 5 ettari.  Furono progettati nel 1824 da Giuseppe Poggi per il conte Archinto, e furono acquistati dallo Stato nel 1967 dall’allora proprietario conte Gamba Castelli per diritto di prelazione. Il Parco venne assegnato in gestione alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Firenze. Il restauro completo del parco ebbe luogo tra il 1982 e il 1985, per ripristinare i suoi valori ambientali e paesaggistici. Nel 1985 fu aperto al pubblico.

Il giardino, area magica e suggestiva, offre innumerevoli scorci e vedute sulla città. E’, senza dubbio, un  luogo di interesse storico artistico e rappresenta un polmone verde per la città.

Ma da troppo tempo il Parco è chiuso per due terzi della sua estensione. La parte rimasta accessibile al pubblico è aperta con orari ridotti e i fondi per la manutenzione del verde sono stati azzerati. Il giardino, infatti, è accessibile gratuitamente dal martedì alla domenica, dalla mattina alle 18,30, con riduzione di orario da novembre in poi. I custodi che vigilano sono sotto organico, quattro invece che cinque, ma il problema maggiore riguarda i fondi azzerati dal Ministero dei Beni Culturali. Data la rilevanza storico architettonica del luogo, fino al luglio scorso la gestione era affidata alla Soprintendenza per i Beni Architettonici, diretta dall’architetto Alessandra Marino. Con la riforma di Franceschini la competenza è passata al Polo museale regionale della Toscana, diretto da Stefano Casciu. Il passaggio di consegne, però, non ha cambiato le sorti del giardino, che dai centomila euro annuali per la manutenzione annuale, è passato alla cifra tonda di zero euro.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 30 Maggio 2016 16:13 ) Leggi tutto...
 


Pagina 2 di 26

Testata

Banner