Novità

Ora è anche web radio
Banner

webmagazine

Banner
You are here:   Home

Chi è online

 11 visitatori online

Notizie flash

Il sito è ancora in fase di ottimizzazione ci scusiamo con i lettori

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

La carta pesta elegante

Giovedì 01 Febbraio 2024 08:12 Maria Fanizza
Stampa PDF

La carta pesta elegante Maria Fanizza 


Fragile e robusta, ruvida e femminile. Elegante. La cartapesta – materiale “povero” alla base della tradizione putignanese dei carri del Carnevale, assume un’inedita grazia quando è lavorata dalle mani di Luigia Bressan, illustratrice, pittrice, scultrice originaria proprio di Putignano che, da sabato 3 a sabato 17 febbraio sarà ospite del Museo Civico “Romanazzi Carducci” con la sua mostra personale dal titolo “La carta elegante” (Piazza Plebiscito 16, Putignano – Ingresso libero). 

La mostra, che rientra nel fitto programma di eventi collaterali della 630^ edizione del Carnevale di Putignano dal titolo “Carnevale da capogiro”, sarà inaugurata sabato 3 febbraio alle ore 18.30 alla presenza dell’artista, della sindaca di Putignano, Luciana Laera, dell’assessora alla Cultura del Comune di Putignano, Rossana Delfine e la presidente della Fondazione Carnevale di Putignano  Carmela Curci.

Un’esposizione creativa dallo stile fiabesco e sognante, in cui l’antica arte della cartapesta, patrimonio culturale e storico identificativo della città di Putignano, si mostra nella sua forma più inaspettata: elegante, silenziosa, poetica. In questa mostra la cartapesta diviene veicolo di una dichiarazione di intenti, un’esortazione alla ricerca del bello come punto di partenza, traguardo e percorso a cui l’artista vota la propria vita, in un’ottica che vede nell’arte una missione: comunicare emozioni e ricondurre il visitatore ad un tempo altro, tra i fasti di un’epoca antica, intrecciando il ricordo di ciò che era con le innovazioni dei tempi moderni.

Leggi tutto...
 

Celebrazione della nascita della Repubblica

Lunedì 29 Gennaio 2024 17:07 Maria Fanizza
Stampa PDF

Celebrazione in ricordo del congresso dei CLN che si tenne a Bari  nel 1944.Fanizza Maria


Sono in corso, all’interno del Teatro comunale Piccinni, le celebrazioni dell’ottantesimo anniversario del Congresso di Bari dei Comitati di Liberazione Nazionale, che si svolse il 28 e il 29 gennaio del 1944 nel teatro barese. 

L’evento, che si tiene alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è stato organizzato dal Comune di Bari e dalla Regione Puglia, con la collaborazione di ANPI - Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, IPSAIC - Istituto Pugliese Storia Antifascismo e Italia Contemporanea, Fondazione Di Vagno, Teatro Pubblico Pugliese, Università degli Studi di Bari, ANPPIA - Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani AntifascistiFondazione Gramsci e della casa editrice Laterza. 

 

Di seguito il discorso del sindaco di Bari Antonio Decaro

“Signor Presidente della Repubblica, 

autorità, studenti, cittadini, 

benvenuti nella città di  Bari, città libera e democratica, 

benvenuti a Bari, città antifascista.

Bentornato nella nostra città Presidente Mattarella: la sua presenza, mai scontata, testimonia ancora una volta il suo amore per la nostra terra, il profondo rispetto per i valori fondanti della nostra Carta Costituzionale e per la tutela della verità della nostra storia comune.

La storia. Qui, nel Teatro Piccini di Bari, il 28 e il 29 gennaio del 1944, è stata scritta una pagina fondamentale della storia dell’Italia. 

Dell’Italia democratica e repubblicana. Un’Italia perseguitata, censurata, mandata al confine ma che con forza, coraggio e passione seppe risollevarsi.

Qui, nel Teatro Piccinni, per la prima volta dopo gli anni bui del fascismo, tornarono protagoniste le parole e le idee di democrazia e di libertà. Ed è per noi un enorme privilegio, a ottant’anni dal primo Congresso dei Comitati di Liberazione Nazionale, ricordare il ruolo che la città di Bari ebbe in uno dei passaggi più delicati e drammatici della storia del nostro Paese.

Leggi tutto...
 

Fidelio a Bari

Venerdì 26 Gennaio 2024 10:06 Maria Fanizza
Stampa PDF

Fidelio al Petruzzelli a Bari Fanizza Maria


Rappresentata per la prima volta il 20 novembre 1805 al Theater an der Wien, unica opera di Ludwig van Beethoven ( regia di Joan Anton Rechi), in scena per la prima volta a Bari, sara' Fidelio a inaugurare al teatro Petruzzelli di Bari, alle 20,30, la nuova stagione d’opera della fondazione Petruzzelli.
Il maestro Stefano Montanari condurrà l’Orchestra e il Coro del Teatro, preparato dal maestro Marco Medved nell’allestimento scenico della fondazione Teatro La Fenice ( a riprendere la regiadi di Joan Anton Rechi sarà Gadi Schechter, a curare le scene Gabriel Insignares, i costumi Sebastian Ellrich, il disegno luci di Fabio Barettin). A dar vita allo spettacolo saranno Modestas Sedlevi?ius ( don Fernando), Vito Priante ( don Pizzarro), Jörg Schneider ( Florestan), Helena Juntunen ( Leonore), Tilman ( Rocco), Francesca Benitez ( Marzelline), Pavel Kolgatin (Jaquino), Vincenzo Mandarino ( primo prigioniero) e Gianfranco Cappelluti ( secondo prigioniero).

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 26 Gennaio 2024 10:08 ) Leggi tutto...
 

La libertà con Fidelio in scena al Petruzzelli

Lunedì 29 Gennaio 2024 07:15 Maria Fanizza
Stampa PDF

 La libertà in scena al Petruzzelli Maria Fanizza

 

La liberta è una luce in fondo al tunnel, come il trionfo di verità e giustizia, come la forza dell’amore coniugale che tutto sfida e tutto vince. Ma solo grazie a una “ donna”, un’eroina la cui virtù “atterrisce il malvagio”. L’unica opera di Beethoven è un inno all’ideale più puro e più alto in cui il maschile del titolo, Fidelio, non è che una maschera d’opportunità, un obbligato escamotage.Leonore si traveste da uomo per scendere nella prigione in cui da due anni è chiuso, vittima innocente, suo marito Florestan, e salvargli la vita.Capolavoro dalla genesi tormentata, la cui riuscita oggi è testimoniata dalle rappresentazioni nei maggiori teatri all’estero, Fidelio ha aperto la stagione d’opera della Fondazione Petruzzelli, in un clima di eleganza, prestigio e gioia per un’operazione forte e importante dal punto di vista della scelta del titolo, quanto piena e raffinata per la sua realizzazione. La lettura musicale limpida – del direttore stabile dell’Orchestra Stefano Montanari d’intesa col direttore del coro, Marco Medvev, giunto dal teatro di Bonn – hanno reso intellegibile un’opera non facile che, dopo un’ouverture folgorante quanto densa e lunga,antepone un primo atto, che è uno studio di caratteri introspettivo e “ immobile”, a un secondo atto decisamente più dinamico dal punto di vista drammaturgico e musicale.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 29 Gennaio 2024 07:15 ) Leggi tutto...
 

Papa Francesco a che tempo che fa

Lunedì 15 Gennaio 2024 06:56 Maria Fanizza
Stampa PDF

Papa Francesco a che tempo che fa Maria Fanizza


Bella l'intervista di Fabio Fazio a Papa Francesco che in buona salute e con grande serenita' risponde alle domande dell'intervistatore,

Ammette di aver pagato un prezzo di solitudine per la recente decisione di benedire le coppie omosessuali, una mossa che ha suscitato feroci reazioni da parte dei conservatori e la rivolta dei vescovi africani. Noi dobbiamo prendere per mano e aiutare le persone a andare per strada, non condannare dall'inizio, ha detto Francesco.

Sono ancora vivo, E tornato a dire Bergoglio che, dopo i recenti acciacchi, ha ribadito che non esclude di dimettersi un giorno, ma non ora.

Per ora Papa Francesco ha in progetto due viaggi: in Polinesia ad agosto e poi il ritorno in Argentina: Dopo dieci anni posso andare ha detto Bergoglio, che a inizio febbraio ricevera in Vaticano il nuovo presidente Javier Milei, esponente di destra ultraliberista che promette riforme lacrime e sangue: la situazione dell'Argentina mi preoccupa “ha detto perche la gente sta  soffrendo tanto.Jorge Mario Bergoglio si e soffermato a lungo sulla situazione internazionale: la guerra in Ucraina e quella tra Gaza e Israele, il dramma dei migranti che muoiono. Dietro le guerre c'è il commercio delle armi ha detto il papa, che ha riferito di telefonare ogni giorno alla parrocchia di Gaza: Due popoli chiamati a essere fratelli si distruggono ,questo è la guerra ha detto Bergoglio che sul rischio di un'escalation militare, in particolare nucleare, si e domandato: "Come finiremo, come l'arca di Noe? Mi fa paura la capacita di autodistruzione dell'umanita'

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 26 Gennaio 2024 17:24 ) Leggi tutto...
 


Pagina 4 di 45

Testata

Banner