Novit

Ora anche web radio
Banner

webmagazine

Banner
You are here:   Home

Chi online

 23 visitatori online

Notizie flash

Il sito ancora in fase di ottimizzazione ci scusiamo con i lettori

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

Bari la città che unisce

Domenica 28 Novembre 2021 06:49 Maria Fanizza
Stampa PDF

72BD7B6C-4613-4DE7-979E-BCB784CDC5F6
Bari la città che unisce Maria Fanizza


Questo pomeriggio, in occasione dell’8° centenario (1221-2021) del “Dies Natalis” di San Domenico di Guzman, Fondatore dell’Ordine dei Predicatori, e del 70° anniversario (1951-2021) dell’affidamento, da parte della Santa Sede, della Basilica Pontificia San Nicola all’Ordine dei Predicatori, il sindaco Antonio Decaro ha consegnato le Chiavi della Città a Fr. Gerard Francisco TIMONER III OP, Maestro dell’Ordine dei Predicatori e 87° successore di San Domenico, nel corso di una cerimonia che si è svolta nella sala consiliare “Enrico Dalfino”, a Palazzo di Città

Di seguito le motivazioni: “A Padre Gerard Francisco Timoner III OP, Maestro dell’Ordine dei Predicatori, nella felice ricorrenza del 70mo anniversario di affidamento della Basilica Pontificia San Nicola ai padri Domenicani e nella cornice suggestiva della commemorazione dell’VIII centenario del “Dies Natalis” di San Domenico, il dono delle chiavi della città in segno di gratitudine di un’intera comunità che, nel culto di San Nicola e nei valori incarnati dal Santo Patrono, ha costruito la propria storia e la propria identità.

Se Bari è riconosciuta come luogo di eccellenza della missione ecumenica - papa Francesco l’ha definita “capitale dell’unità della Chiesa” - lo è per la presenza delle reliquie di San Nicola, il Santo della carità, il Santo che unisce Oriente e Occidente, il Santo dalla pelle nera, simbolo del dialogo e dell’incontro tra i cristiani e tra i popoli.

La Basilica a lui dedicata, segno di fede e meta di pellegrinaggi spirituali, luogo di preghiera ma anche di incontro e conoscenza, affidata fin dal 1951 alle cure premurose dei Frati Predicatori ed elevata nel 1968 a dignità di Basilica Pontificia, ha goduto da allora di un rinnovato fervore sotto l’aspetto liturgico, pastorale, culturale e, soprattutto, ecumenico. 

Di tutto questo la città di Bari ha beneficiato nelle visioni di progresso morale e materiale. Il ruolo internazionale della nostra città, come terra di cerniera e non di frontiera, come luogo privilegiato di accoglienza e integrazione, è anche il risultato dello straordinario lavoro apostolico, pastorale e culturale svolto dai figli di San Domenico, custodi della Basilica, che in questi 70 anni hanno custodito con cura e dedizione il nostro bene più prezioso, diventando punto di riferimento per le istituzioni, per i cittadini  e per le migliaia di fedeli che ogni anno giungono qui da ogni parte del mondo. 

Le chiavi della città consegnate oggi a Lei, reverendissimo Padre, non servono ad aprire ma a chiudere, meglio ancora a suggellare, il legame fortissimo tra l’Ordine dei Predicatori  e la comunità della “Felice Bari” che oggi si onora, riconoscente, di avere Lei come ospite speciale”.

Ultimo aggiornamento ( Domenica 28 Novembre 2021 06:56 )
 

World press photo

Lunedì 08 Novembre 2021 12:24 Maria Fanizza
Stampa PDF

 
La mostra World press photo al Margherita a Bari dal 14 ottobre al 14 novembre Maria Fanizza


 Torna a Bari, per l’ottavo anno consecutivo, la World Press Photo Exhibition, la meostra di fotogiornalismo più prestigiosa al mondo, che giunge alla sua 64° edizione. Ancora una volta il Teatro Margherita fa da cornice, dal 14 ottobre al 14 novembre 2021, all’esposizione internazionale, con le sue otto sezioni: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, Nature, Portraits, Sports, Spot News. organizzata dalla Fondazione World Press Photo che  è una delle maggiori organizzazioni indipendenti e no-profit  che promuove  in tutto il mondo il fotogiornalismo di qualità.  I fotoreporters più famosi e prestigiosi al mondo partecipano a questa competizione mondiale,,più di 6.000 fotoreporter, provenienti dalle maggiori testate editoriali mondiali come Reuters, AP, The New York Times, Le Monde, El Paìs per nominarne solo alcuni.

La mostra internazionale è stata inaugurata ad Amsterdam a giugno, prima di iniziare il suo tour mondiale in 100 città e 45 paesi.

Sono 159 gli scatti dei fotografi vincitori di questa edizione del concorso, selezionati, per la prima volta online, dalle giurie specializzate presiedute da NayanTara Gurung Kakshapati e MuyiXiao. Una valutazione che è avvenuta tra 74.470 immagini proposte da 4.315 fotografi provenienti da 130 paesi del mondo.Alcune delle immagini premiate con questo titolo sono diventate iconiche, altre hanno stabilito dei trend, altre ancora hanno influenzato il fotogiornalismo tanto da mutarne lo stile e dettarne gli standard.

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 08 Novembre 2021 12:33 ) Leggi tutto...
 

Bansky al castello di Otranto

Domenica 19 Settembre 2021 15:27 Maria Fanizza
Stampa PDF

148650A9-89C5-4435-B19D-8A80DA8434C2Bansky al castello di Otranto Maria Fanizza
Si chiude oggi 19 settembre 2021 al castello di Otranto la mostra Bansky al castello. Uno spazio suggestivo come il Castello Aragonese di Otranto lo scenario che fa da sfondo a Banksy al Castello 2002 2007 prints selection, il progetto espositivo a cura di Stefano S. Antonelli e Gianluca Marziani, aperto al pubblico a partire dal 23 giugno 2021.

Da diversi anni il castello Aragonese si apre a mostre importanti ed interessanti come quella di Bansky, capaci di coniugare un impegno divulgativo e al contempo scientifico, in grado di approfondire ma anche di accogliere, coinvolgere, animare i visitatori. la mostra di Otranto infatti, unulteriore tappa del progetto, gi ospitato in altri spazi espositivi, tra cui, solo per citarne alcuni, Palazzo Medici Riccardi a Firenze, il Museo Civico di Sansepolcro, in dialogo con Piero della Francesca, la Fortezza Firmafede di Sarzana.

Bansky con il proprio lavoro sta contribuendo alla ridefinizione dellimmaginario contemporaneo, Le opere di Banksy sono accessibili, ma sempre spiazzanti, cariche di doppi e tripli sensi, di indovinelli, di trappole perfino dove non te le aspetti. E anche i quarti di nobilt, o persino la regalit Monkey Queen e alla Queen Vic, che si possono ammirare in mostra diventano strumenti per rimettere in discussione pregiudizi e ottusit : La bimba e la bomba, il poliziotto antisommossa con lo smile, la banana e non la pistola, e cos via.

Leggi tutto...
 

Assegnati i premi Nikolaus per lo sport

Domenica 03 Ottobre 2021 18:35 Maria Fanizza
Stampa PDF



Assegnati i premi Nikolaus per lo sport Maria Fanizza 

1D344A14-C3BD-4DDA-9990-C910CCA958AA

Si svolta sabato 2 ottobre, alle ore 10.00, nelle sale del Circolo Canottieri Barion, la cerimonia di premiazione dei vincitori della sesta edizione del Premio Nikolaos dello Sport citt di Bari, organizzato dalla Fondazione Nikolaos, dalla commissione Culture del Comune di Bari presieduta dal consigliere Giuseppe Cascella, dal network Sport e dallassociazione culturale Il Tedoforo, con il patrocinio della Regione Puglia, del Comune di Bari, dei Lions club Bari e del Circolo Canottieri Barion.

Allevento, alla presenza del presidente del Barion Francesco Rossiello intervenuto il sindaco di Bari Antonio Decaro, e diverse autorit e rappresentanti di Enti sportivi oltre ad atleti medaglia doro paraolimpici della terra di Bari.  Allex arbitro Onofrio Lattarulo  stato conferito il premio per lo sport  per il passato, alla pugile Erica Prisciandaro per il presente, e alla tennista Daria Raimondo per il futuro. Questi sono gli atleti che al circolo Barion a Bari hanno ricevuto il premio Nikolaos. Gli atleti sono stati scelti attraverso una votazione on line.Tra gli ospiti speciali Luca Mazzone  e Vittoria Bianco medaglie doro  per i paraplegici e Stefania Agata Delia che ha ottenuto il premio per la solidariet.

Sono atleti che hanno reso famosa la Puglia nel mondo. Si tratta di atleti nati nellarea metropolitana di Bari, o che sono stati tesserati con societ sportive baresi, che nel corso della loro carriera agonistica hanno dato lustro al nostro territorio.

Levento stato organizzato anche grazie al sostegno di Acqua Orsini, Garofoli S.p.A., Caff Cavaliere, Cooperativa Allevatori Putignano - CAP, Ottica De Giglio, Medmatic, I Capozza, Mercatino dellusato di A. Feo, Azienda Dario Timurian, Birrificio Bari.

 

Piccoli gesti grandi crimini

Sabato 11 Settembre 2021 12:31 Maria Fanizza
Stampa PDF

2534F5F5-05BE-4532-AE38-EAE5A1E36FF5PICCOLI GESTI, GRANDI CRIMINI Maria Fanizza

F00DE803-2A2F-475C-AD67-E9D6F1FE4D25

 

Marevivo in collaborazione con British American Tobacco (BAT) Italia e il patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica e dellANCI - Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ha  organizzato una campagna di sensibilizzazione sui mozziconi di sigarette.

Dopo il lancio nazionale avvenuto a Roma a maggio scorso, Bari la quarta tappa delliniziativa (le prime tre si sono svolte a Fermo, Catania e San Felice Circeo): fino al prossimo 16 settembre, la campagna coinvolger gli abitanti del capoluogo pugliese fra istallazioni, affissioni e strumenti di informazione digitale.

Un piccolo gesto, quello di buttare a terra un mozzicone di sigaretta, che pu apparire trascurabile ma che, in realt, causa un gravissimo danno ambientale. Ogni anno sono 4,5 i trilioni di mozziconi che finiscono nellambiente - solo in Italia 14 miliardi - confermando cos come questi siano tra i rifiuti pi diffusi. Il filtro di sigaretta composto da acetato di cellulosa che impiega in media 10 anni a decomporsi. Inoltre, si stima che circa il 65% dei fumatori non smaltisca correttamente i mozziconi delle sigarette , andando cos a inquinare soprattutto i nostri mari, dove pesci e altri animali muoiono scambiando questi rifiuti per cibo.Da tempo Bari  impegnata a contrastare comportamenti scorretti che possono nuocere fortemente allambiente e, I mozziconi di sigaretta sono i rifiuti pi frequenti sulle spiagge di tutto il mondo, A causa delle loro dimensioni ridotte si potrebbe pensare che siano innocui, ma non affatto cos: al contrario, questi mozziconi rilasciano sostanze nocive nel mare, il loro filtro non biodegradabile e, sminuzzandosi in microplastiche, rimane in mare per sempre. Tutto questo ha naturalmente un impatto terribile sullecosistema marino, e chiunque non si adoperi per cambiare le proprie abitudini diventa complice di questo crimine contro lambiente. 

Secondo quanto rilevato dal Report Marevivo, le motivazioni principali per le quali i cittadini fumatori ripetono comportamenti errati sono: mancanza di sensibilit verso lambiente (62%), mancanza di consapevolezza sul danno arrecato (36,6%), mancanza di cestini e posacenere sul territorio (26,5%) e mancanza di sanzioni per chi adotta questo errato comportamento (26%) .

Proprio dalla volont di accrescere sensibilit e consapevolezza verso il nostro Pianeta nasce Piccoli gesti, grandi crimini, che gioca sul concetto di crimine commesso da chi compie questo piccolo gesto, rappresentandolo con linstallazione dal grande impatto visivo, che rester in piazza del Ferrarese fino al 12 settembre, in cui, accanto alle sagome delle vittime raffiguranti tartarughe, pesci e altri animali marini, posta la riproduzione di un mozzicone gigante come simbolica arma del delitto.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 11 Settembre 2021 12:46 ) Leggi tutto...
 


Pagina 4 di 35

Testata

Banner