webmagazine

Banner
You are here:   Home Notizie

Notizie flash

Il sito è ancora in fase di ottimizzazione ci scusiamo con i lettori

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

Notizie

I fiori del mare di Mariella Fanizza

Martedì 03 Aprile 2012 15:30
Stampa PDF

 I fiori del mare

 

Maria Fanizza 

BARI- “I fiori del mare” di Mariella Fanizza: una mostra da non perdere, dal 18 al 28 aprile, nel Palazzo della Provincia, sul Lungomare.

IMG_0645small


Tanti bellissimi quadri dove il blu del mare, l’azzurro del cielo, il bianco soffice delle nuvole si mescolano alla bellezza dei fiori. Un originale omaggio dell’artista alla sua terra, alla Puglia, dove una luce tutta particolare e l’intensità dei colori disegnano una natura fuori del comune.

I quadri sono commentati da suggestive poesie di autori di tutti i tempi, poesie che completano e arricchiscono l’esposizione.

Due gli appuntamenti importanti: il 20 Aprile, alle ore 19, la prof. Mirella Casamassima presenterà la mostra al pubblico, alla presentazione seguirà, poi, il recital del  regista ed attore Francesco Tammacco;  il 23 Aprile, alle ore 10,30, è, invece, atteso il prof. Derrick de Kerckhove, il massmediologo canadese, guru dei nuovi media.

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Marzo 2013 17:49
 

Chi é D.De Kerckhove

Domenica 29 Gennaio 2012 10:49
Stampa PDF

Chi é Derrick De Kerchkove

Maria Fanizza

 

 

Il più grande studioso di Mc Luhan é Derrick De Kerchkove .

Linguista e antropologo belga, Derrick Claude Frédéric Roger Fabrice Marie Inghel De Kerckhove Gezegd Van Der Varent è nato a Wanze-lez-Huy, in provincia di Liegi il 30 maggio1944.

In un’intervista per la rivista filosofica “Neurasia” parla di sé:  “ Sono arrivato in Canada molto giovane, a diciassette anni, parlavo francese abbastanza bene perché è la mia lingua materna e ho compiuto il mio baccalaureato in Francia. Non volevo stare in Belgio, non volevo stare in Francia, non volevo stare in Europa, così sono andato in Canada per vedere qualcos’altro. Però quando sono arrivato là dovevo immediatamente guadagnare per vivere, e sapevo che non volevo insegnare a scuola, volevo insegnare all'università e ho pensato: Di cosa posso occuparmi senza problemi? Della letteratura francese, che conosco molto bene!”. Una volta giunto in Canada, De Kerckhove ha trovato senza problemi una cattedra.“È  vero che nel ’68, quando avevo ventiquattro anni, ero già fidanzato con mia moglie. Un giorno le dissi che ero assolutamente stanco della letteratura francese, delle stupidità della critica, assolutamente inutili; lei mi ha detto che, però, avrei potuto seguire altri corsi e professori dell'università, c’erano molte persone interessanti, perché non prendere Mc Luhan, o Northrop Fry o Robertson Davies. Quest’ultimo era una stella dell'università, uno scrittore di romanzi, invece Northrop Fry era uno dei più celebri critici del mondo anglosassone, e poi c'era Mc Luhan, che era Mc Luhan.Ho seguito tutti e tre ma non ho trovato Northop Fry molto interessante, meglio gli altri due. Ma alla fine ho trovato anche Robertson Davies noioso. Mc Luhan fu una scoperta, veramente una scoperta.Fu meraviglioso perché è da allora che ho cominciato a vivere veramente. Ricordo che Mc Luhan mi disse:" Tutte le letture sono interessanti quando sai cosa cerchi, ma quando non si sa cosa si cerca sono noiose”. È così che Derrick De Kerckhove comincia la sua avventura nel mondo dei media contrassegnata da alcune fondamentali tappe intellettuali.

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Marzo 2013 17:49
 

Omaggio a MC LUHAN

Domenica 29 Gennaio 2012 09:19
Stampa PDF

Omaggio a Mc Luhan

Maria Fanizza

Nel centenario della nascita di Mc Luhan, www. lettera ventidue.org, dedica una serie di articoli  in omaggio alla figura del grande massmediologo.

“Nel 1957- scrisse McLuhan- con lo Sputnik l’uomo ha racchiuso il mondo naturale in un contenitore e ha fatto della Terra un’opera d’arte”.

L'orbita del satellite, che ci contiene tutti, estende l’essere umano nello spazio. 

Ricchi o poveri, viviamo la globalizzazione e ne siamo parte attraverso i telefoni cellulari ed i satelliti.

Già da tempo, molte opere d'arte, con o senza l'ausilio delle nuove tecnologie, riflettono questa nuova dimensione del nostro essere.

Così come l’opera d’arte pubblica, sia essa di scultura, architettura o pianificazione urbana, riflette lo spazio urbano, così l'arte globale ci aiuta a prendere coscienza dell’ampliamento del campo della nostra sensibilità. L’arte globale è fatta di espressioni artistiche che tengono conto dell’integrazione degli individui e delle società nella globalizzazione, del cambiamento di scala spaziale legato al corpo dell’uomo, e della comparsa di nuovi valori. Si indirizza alla sensibilità di una società connessa globalmente e che sente, senza dubbio, il bisogno di auto-rappresentarsi.

Una sensibilità nuova in cui identità, intelligenze e presenze di spirito sono interconnesse, distribuite e multiple.

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Marzo 2013 17:49
 

Firenze città universitaria

Martedì 27 Dicembre 2011 15:45 Vincenza Fanizza
Stampa PDF

Firenze città universitaria 

 di Monica Lorusso

firenze foto


Ogni anno passano da Firenze circa 9000 giovani che studiano nei programmi di studio all’estero delle università americane e si fermano in città da un minimo di tre mesi al massimo di un anno. Per loro il Comune di Firenze ha pensato a uno specifico progetto  perché si sentano cittadini di Firenze, che condividano lo spirito della città, che conoscano gli studenti italiani.

Ultimo aggiornamento Domenica 06 Gennaio 2013 10:42 Leggi tutto...
 

Buon Natale e Felice Anno Nuovo!!!

Domenica 25 Dicembre 2011 07:14 Vincenza Fanizza
Stampa PDF
alt
Ultimo aggiornamento Martedì 27 Dicembre 2011 15:54
 


Pagina 20 di 30

Testata

Banner